• Home
  •  > Notizie
  •  > Studenti al “Real Bodies” Sviene un tredicenne

Studenti al “Real Bodies” Sviene un tredicenne

Jesolo. Il ragazzino si è subito ripreso e ha potuto completare la visita L’apertura ufficiale della mostra in piazza Brescia è per il 26 dicembre

JESOLO. Prima visita di una scuola e primo svenimento di uno studente all’anteprima di Real Bodies in piazza Brescia.

Ieri la classe terza delle scuole medie d’Annunzio di Jesolo ha potuto partecipare alla visita con lezione del testimonial e responsabile scientifico, Alessandro Cecchi Paone. Una lezione davvero entusiasmante ma anche impressionante in questo viaggio nel mondo del corpo umano, tra i 36 corpi plastinati e 350 organi in mostra.

Tanto emozionante che uno studente tredicenne è caduto a terra, sorretto appena in tempo dal personale e subito soccorso fortunatamente senza problemi. Complice il caldo all’interno della mostra, la colazione frugale e veloce, quella normale impressionabilità dei ragazzi, e lo studente non si è retto in piedi. Nessun problema, perché pochi minuti più tardi si è potuto riunire al resto del gruppo e proseguire la visita.

Gli svenimenti non mancheranno. L’organizzazione ha messo infatti in campo anche un medico e il personale per ogni emergenza quest’anno, visto l’alto numero degli svenimenti della prima edizione.

Quest’anno l’emozione sarà ancora più forte. Compaiono feti di ogni genere, corpi di bambini frutto di aborti, una donna incinta, corpi in metastasi su tavoli di autopsia ricostruiti perfettamente. E ancora tumori, protesi, interventi chirurgici. Poi ci sono corpi sezionati in modo spettacolare e ancora una sezione sportiva con giocatori di basket, schermitori, calciatori in rovesciata. Una ballerina di lap dance e un culturista gonfiato dagli steroidi, entrambi plastinati, sono tra i corpi esposti più curiosi per i visitatori.

Non manca nulla, anche un “Uomo Vitruviano” davvero impressionante che sarebbe perfetto per la trama di un libro di Dan Brown. La mostra sarà aperta ufficialmente dal 26 dicembre.

Giovanni Cagnassi

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia