• Home
  •  > Notizie
  •  > Tragedia sui binari a Ceggia, giovane trovato morto

Tragedia sui binari a Ceggia, giovane trovato morto

È Simone Dalla Nora, 26 anni. Il corpo era al lato di una massicciata. La salma sotto sequestro, tutte le ipotesi possibili. Forse è stato travolto dal treno

CEGGIA. Tragedia lungo i binari della linea ferroviaria Venezia-Trieste, nelle campagne tra Ceggia e San Donà. Martedì, intorno alle 12.50, è stato rinvenuto il corpo privo di vita di un giovane. Le forze dell’ordine sono riuscite a risalire all’identità del ragazzo. Si tratta di un 26enne di Ceggia, Simone Dalla Nora. Anche se per avere la certezza assoluta che si tratti di lui, bisognerà attendere il riconoscimento ufficiale da parte dei familiari, che avverrà nella giornata di oggi. Spetterà poi alle forze dell’ordine, sotto il coordinamento della Procura, far luce sull’accaduto.

Tutte le ipotesi al momento restano al vaglio degli inquirenti, a iniziare da quella di un tragico incidente, con il giovane che potrebbe essere stato travolto da un treno in transito. Ma, come da prassi in queste situazioni, tutte le ipotesi rimangono aperte, in attesa dello svolgimento degli accertamenti che saranno disposti dall’autorità giudiziaria.

L’allarme è scattato intorno alle 12.50, quando è stato avvistato il corpo privo di vita del giovane, a bordo della massicciata della linea ferrata. Il luogo del ritrovamento è in una zona di campagna tra Ceggia e Calvecchia di San Donà, all’incirca all’altezza dell’azienda agricola Valdoro. Stando alle prime informazioni, a notare il cadavere potrebbe essere stato il macchinista di un treno merci in transito. Il convoglio, carico di container, è poi rimasto fermo in attesa degli accertamenti. Sul posto sono arrivati gli agenti della polizia ferroviaria. Dell’accaduto sono stati informati anche i carabinieri e la polizia locale di Ceggia.

Durante i rilievi delle forze dell’ordine, la circolazione ferroviaria è proseguita su uno solo dei binari, con i convogli che sono stati fatti transitare a velocità ridotta in corrispondenza del luogo della tragedia. Al termine delle operazioni di polizia, la salma del 26enne è stata ricomposta dalle onoranze funebri Moras. È stata posta sotto sequestro a disposizione dell’autorità giudiziaria, che nelle prossime ore deciderà quali accertamenti compiere. È probabile che verrà disposta l’autopsia per cercare di chiarire gli interrogativi aperti sull’accaduto. A iniziare dall’ora esatta del decesso. È possibile che sia avvenuto anche ore prima del rinvenimento del cadavere. L’autopsia dovrà chiarire le modalità dell’impatto tra il giovane e il treno, che potrebbe averlo investito. Il corpo è stato rinvenuto a lato della massicciata, circostanza che farebbe propendere per un impatto laterale. Poi si tratterà di capire perché il giovane si trovasse lì, domande a cui cercheranno di rispondere le indagini.

Pubblicato su La Nuova Venezia