• Home
  •  > Notizie
  •  > Travolto sulle strisce mentre fa jogging muore promessa della lirica di 19 anni

Travolto sulle strisce mentre fa jogging muore promessa della lirica di 19 anni

Marco Scroccaro di Gambarare studiava al Conservatorio di Venezia. L’investitrice una 50enne di Dolo: denunciata

MIRA

Auto centra sulle strisce pedonali un diciannovenne che sta facendo jogging lungo la bretella Mira Lanza, poco distante dall’imbocco sulla Romea a Mira. A perdere la vita Marco Scroccaro, giovane promessa della lirica, allievo del Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia.

La tragedia si è verificata sabato verso le 18.30, poco distante da Piazza Vecchia e dalla frazione di Gambarare, dove il ragazzo viveva con la famiglia in via Callido, non lontano dal Duomo. Marco, che avrebbe compiuto 20 anni a luglio, essendo tornato a casa prima dal Conservatorio, era andato a fare una corsa lungo la strada che costeggia l’idrovia. Stava attraversando la carreggiata quando è sopraggiunta un’auto. Nonostante stesse attraversando sulle strisce pedonali, è stato travolto dalla Renault Megane che transitava in direzione della Romea, alla cui guida c’era una cinquantenne residente a Dolo che come da prassi nelle prossime ore verrà iscritta sul registro degli indagati con l’accusa di omicidio stradale. Il giovane è stato scaraventato dall’urto con l’auto quasi 30 metri più in là ed è finito sul lato opposto della carreggiata, a ridosso di un fossato.

Le sue condizioni sono apparse sin da subito disperate. Immediatamente sono scattati i soccorsi sia da parte dell’automobilista che l’aveva investito e della persona che era con lei in macchina, che da parte di alcuni residenti, passanti ed automobilisti in transito. Nell’immediatezza è stata allertata la polizia locale di Mira. Sono stati chiamati anche i soccorsi medici che sono stati inviati sul posto con un’ambulanza dal vicino ospedale di Dolo. I sanitari, dopo alcuni disperati tentativi di mantenere in vita il 19enne, non hanno potuto che constare la morte del ragazzo. Troppo gravi e devastanti erano state le ferite che aveva subìto nell’impatto con l’auto, immediatamente posta sotto sequestro da parte della magistratura che è stata informata dell’incidente mortale. La Megane è stata rimossa solamente nella tarda serata. La dinamica dell’incidente, avvenuto in prossimità del passaggio pedonale, è al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Sul posto sono arrivati dopo circa un’ora anche i familiari del ragazzo che, sconvolti dal dolore, hanno chiesto di poter vedere il ragazzo. La Polizia locale di Mira ha eseguito i rilievi di rito, concludendo le operazioni solo verso le 22.30, considerata la complessità della prima ricostruzione e le modalità con le quali è avvenuto l’incidente. È stata chiamata anche una pattuglia dei carabinieri della tenenza di Mira, per coadiuvare nelle operazioni del rilevamento del sinistro e nella gestione di una situazione a tratti tesa. La viabilità in entrambe le direzioni di marcia sulla bretella Mira Lanza ha subìto rallentamenti per circa 3 ore.

Marco Scroccaro, figlio unico, lascia la mamma Cristina Silvestri ed il papà Roberto. I funerali si terranno nei prossimi giorni solo dopo il via libera dell’autorità giudiziaria. Il magistrato dovrà decidere se disporre l’autopsia, mentre la Polizia locale andrà alla ricerca di eventuali testimoni per ricostruire i fatti con la maggior precisione possibile. —

Alessandro Abbadir

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia