• Home
  •  > Notizie
  •  > Trovato morto sui binari Investito dal treno fatale il colpo alla nuca

Trovato morto sui binari Investito dal treno fatale il colpo alla nuca

L’uomo di 59 anni trovato morto lungo i binari in via della Libertà domenica mattina è stato investito mentre camminava nello stesso senso di marcia del treno che lo ha colpito. Questo viene ipotizzato dagli inquirenti analizzando le varie ferite riportate, nello scontro, dal corpo. Il cadavere ha ferite e contusioni nella parte alta del busto e sulla nuca. La ferita più devastante l’ha riportata al piede sinistro che gli è stato tranciato. Se non emergono elementi nuovi dall’autopsia, ordinata dalla pm Paola Tonini, ad uccidere l’uomo sarebbe stato il colpo ricevuto alla nuca.

Pur non escludendo nulla, gli inquirenti mettono solo come ipotesi remota quella del gesto volontario. Nessun elemento raccolto fino ad ora fa ipotizzare il suicidio. Gli agenti della Polfer che si stanno occupando del caso sono impegnati anche a visionare i filmati delle telecamere che controllano la viabilità stradale lungo via della Libertà. Le immagini potrebbero far chiarezza su come il 59enne albanese è arrivato sul posto, presumibilmente sabato notte.

Gli inquirenti stanno anche ricostruendo le ultime ore di vita dell’uomo, regolare in Italia e che per vivere faceva vari lavori. Soprattutto in questo periodo di pandemia non aveva un lavoro fisso.

L’uomo era riverso a terra, lungo il binario e dal lato della strada. Ad accorgersi del corpo inanimato il personale di un treno che da pochi minuti aveva lasciato la stazione di Santa Lucia. Il rinvenimento è avvenuto alle 8,30 di domenica mattina in via della Libertà all’altezza della fermata Actv e della casa cantoniera abbandonata usata spesso da senzatetto. Il collegamento ferroviario fra Mestre e Venezia è rimasto bloccato per oltre tre ore. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia