• Home
  •  > Notizie
  •  > L’addio al ristoratore «Ciao Ivone, Oriago non ti dimenticherà»

L’addio al ristoratore «Ciao Ivone, Oriago non ti dimenticherà»

BORBIAGO

Il carro funebre si è fermato davanti alla trattoria – pizzeria “La Taverna” sulla Brentana ad Oriago, e sono state depositati dei fiori sulla finestra dove Ivone Pittersi si affacciava dal suo locale, guardando ogni giorno il centro del paese.

Tanti i clienti aspettavano che il feretro si fermasse lì davanti e gli hanno dato così l’ultimo saluto nel luogo in cui aveva sempre lavorato. È successo ieri pomeriggio poco prima dell’arrivo del corteo funebre alla chiesa di Borbiago dove si è tenuto l’ultimo saluto a Ivone il ristoratore di 59 anni stroncato dal Covid. Alla cerimonia hanno partecipato circa 350 persone fra quelle in chiesa e sul sagrato del luogo di culto, mentre altre 350 erano collegate in diretta streaming sul sito facebok dell’azienda funebre Lucarda.

«Ivone», ha detto don Carlo parroco di Borbiago, «ora siede in una mensa in cielo. E gusta le prelibatezze dell’amore di Dio per lui». Durante la seguita cerimonia, oltre ai passi del Vangelo e della Bibbia, sono stati tanti i ricordi commossi dei famigliari dedicati al loro caro.

In chiesa ha cantato in ricordo del papà la figlia Claudia, mentre i nipoti hanno raccontato tanti episodi della vita di tutti i giorni che rendevano Ivone Pitteri ai loro occhi una persona unica e di grande umanità e amata da tutti sia nella frazione mirese che in famiglia. «Saranno per noi sempre indimenticabili», ha detto la figlia Claudia, «le tue barzellette e i momenti di allegria e convivialità che creavi solo con un piatto di pasta e un bicchiere di vino. Ci bastava poco per essere felici. Hai dato tantissimo alla tua famiglia. Sei stato un dono di Dio». Uno dei nipotini ha ricordato l’allegria del nonno Ivone sempre pronto a scherzare e farlo divertire. Ai funerali ha partecipato anche il sindaco di Mira Marco Dori. Tanti gli applausi dei colleghi ristoratori presenti ma anche dei tantissimi conoscenti che hanno atteso il feretro all’entrata e all’uscita della bara dalla chiesa di Borbiago. Ivone Pitteri lascia la moglie Loredana, il figlio Gianmarco le figlie Claudia e Alessandra, il genero Marco, la nuora Valeria, i fratelli Ettore Valerio e Claudio. —

Pubblicato su La Nuova Venezia