• Home
  •  > Notizie
  •  > Latitante per omicidio: in manette

Latitante per omicidio: in manette

Controllo del territorio in provincia, 200 agenti in servizio nell'ultima settimana: due persone arrestate, 19 denunciate, 5 espulse

VENEZIA. La polizia di Venezia ha arrestato, su mandato di cattura europeo, un cittadino romeno latitante per il reato di omicidio, commesso a seguito di rapina, avvenuto in Francia nei primi mesi del 2013.

Si tratta di Romeo Virgil Vlad, di 39 anni, che a Royan aveva aggredito un cittadino francese, poi trovato morto, nella sua abitazione a scopo di rapina. La Squadra mobile della Questura di Venezia, avuta notizia che il latitante potesse trovarsi in città, ha avviato una serie di accertamenti. L'uomo è stato rintracciato attraverso l'uso che faceva di un cellulare che si era procurato e con una serie di appostamenti ha provveduto alla cattura del latitante in pieno centro storico a Venezia.

Intanto, nell'ultima settimana - con 200 agenti impegnati nei servizi - sono state due le persone arrestate, altre 19 denunciate di cui sei stranieri, cinque extracomunitari espulsi, altri due accompagnati alla frontiera e ulteriori tre accompagnati ai Cie: è il bilancio dei servizi di contrasto alla criminalità diffusa e di prevenzione svolti dalla polizia di Stato di Venezia tra Mestre, Marghera, Lido, Jesolo, Portogruaro, Chioggia e la città lagunare. Il dispositivo, predisposto dal Questore di Venezia Angelo Sanna, è stato attuato ormai da quattro settimane. Sono stati identificate complessivamente 984 persone, di cui 393 stranieri e controllati 242 veicoli nei 33 posti di blocco predisposti. Due quelli sequestrati e comminate 13 contravvenzioni al codice della strada. Trenta i controlli agli esercizi commerciali.

Pubblicato su La Nuova Venezia