• Home
  •  > Notizie
  •  > Infarto dopo colazione, muore a 54 anni il proprietario della galleria di Dolo

Infarto dopo colazione, muore a 54 anni il proprietario della galleria di Dolo

Loris Rotelli era atteso venerdì mattina dai commercianti per l’apertura del varco tra la Brentana e via Dauli ma non si era presentato. Sul posto pompieri e carabinieri

DOLO. Colpito da infarto mentre si trova in casa, muore il proprietario della galleria tra la Brentana e via Dauli. La vittima è Loris Rotelli, 54 anni, persona molto conosciuta nel centro rivierasco. A dare l’allarme sono stati i commercianti che hanno i propri negozi in galleria e che attendevano l’apertura del varco.

Il dramma è successo venerdì: verso le 8 Rotelli, dopo aver fatto colazione con la moglie, avrebbe dovuto aprire la galleria che collega le due vie del paese e in cui si trovano diversi negozi. I commercianti, trovando la galleria chiusa, hanno chiamato a casa di Loris Rotelli ma nessuno rispondeva. A quel punto hanno telefonato alla moglie che lavora come barista a Scaltenigo e l’hanno avvisata di quello strano silenzio. La donna e i commercianti erano preoccupati perché era la prima volta che succedeva un fatto del genere. La galleria, di proprietà della famiglia di Loris Rotelli, da decenni deve essere aperta ogni giorno per garantire la funzione pubblica e di servizio ai negozi.

Sul posto sono arrivati i pompieri di Mira e i carabinieri della tenenza. È stato forzato l’ingresso della casa: Loris Rotelli era all’interno, privo di vita. A stroncarlo sarebbe stato un infarto. I commercianti della zona del centro sono rimasti molto colpiti da quello che è successo. Tutti conoscevano Loris Rotelli, che lavorava nel campo del calzaturiero, e la moglie come una coppia molto affiatata e gentile con tutti.

Cordoglio per la scomparsa dell’uomo è stato espresso anche dal sindaco Gianluigi Naletto. I funerali del 54enne saranno fissati nella chiesa di San Rocco dopo la fine delle festività legate al patrono che si tengono fino a martedì prossimo.

Pubblicato su La Nuova Venezia