• Home
  •  > Notizie
  •  > E’ morto l’ex primario Vittore Pagan, luminare della chirurgia toracica

E’ morto l’ex primario Vittore Pagan, luminare della chirurgia toracica

Avrebbe compiuto 74 anni tra una settimana. Una vita professionale passata a combattere il mesotelioma pleurico: al suo attivo più di 10mila interventi, di cui 3.500 per il tumore al polmone. Molti dei quali eseguiti proprio a Mestre nell’ex ospedale della città

MESTRE. Addio all’ex primario di Mestre. Mondo della chirurgia, non solo veneziano ma anche veneto e nazionale, in lutto: si è spento giovedì scorso il dottor Vittore Pagan, luminare della chirurgia soprattutto toracica.

Avrebbe compiuto 74 anni tra una settimana. Una vita professionale passata a combattere il mesotelioma pleurico: al suo attivo più di 10mila interventi, di cui 3.500 per il tumore al polmone. Molti dei quali eseguiti proprio a Mestre nell’ex ospedale della città.

Nato a Padova nel 1948, si era laureato in medicina nel 1973 nell'ateneo della sua città specializzandosi poi, nel 1978, in Chirurgia Generale e, nel 1981, in Chirurgia Toracico - Polmonare.

Iscritto dal 1977 all'Ordine dei medici chirurgi e odontoiatri di Padova, era comunque molto conosciuto a Venezia per essere diventato nel 1991, ad appena 43 anni, primario della Chirurgia Toracica e nel Duemila direttore del Dipartimento Toracico - Polmonare all'ex ospedale Umberto I di Mestre, mettendo in piedi uno dei migliori reparti di chirurgia toracica d'Italia. E sono moltissimi i mestrini che ancora lo ricordano per la sua bravura e le sue grandi capacità, molte delle quali acquisite quando aveva lavorato in America, come medico d’urgenza.

Nel suo curriculum, infatti, anche vari periodi di perfezionamento tra gli Stati Uniti e Zurigo e la direzione della Chirurgia Oncologica Polomnare dell'istituto dei tumori CRO di Aviano, dov’era andato a mettere a disposizione la sua grande tecnica.

«Alla famiglia del dottor Pagan, agli amici e ai colleghi le più sentite condoglianze del presidente Giovanni Leoni, del Consiglio direttivo e dell'Ordine tutto» si legge in una nota dell’Ordine. 

Pubblicato su La Nuova Venezia