• Home
  •  > Notizie
  •  > «Un sorriso disarmante» Oggi l’addio a don Pierangelo

«Un sorriso disarmante» Oggi l’addio a don Pierangelo

Tanti i messaggi sui social per ricordare il parroco vinto dal cancro a 51 anni Oggi alle 10 i funerali officiati dal vescovo Tessarollo

CHIOGGIA. «Un sorriso disarmante, umano, unico». È uno dei tanti messaggi di cordoglio che hanno invaso il web in ricordo di don Pierangelo Laurenti, morto lunedì a 51 anni all’una di notte all’ospedale di Chioggia, dopo una lunga e incurabile malattia, amorevolmente assistito dai suoi cari. Questa mattina, a San Martino, nella chiesa della parrocchia che lui conduceva con grande saggezza, tutta la comunità clodiense gli regalerà l’ultimo saluto. Ieri il feretro con la sua salma è stato portato prima nella chiesetta della Beata Vergine di Lourdes dove il vescovo monsignor Adriano Tessarollo ha celebrato la messa in onore della Patrona, quindi il feretro di don Pierangelo è stato trasferito nella grande chiesa di San Martino dove si è recitato, in suo suffragio, il santo rosario.

Sono in molti a Chioggia a ricordare la figura di questo prete gentile, dal sorriso contagioso, mai triste, sempre pronto a mettersi a disposizione per chi gli chiedeva aiuto. I compagni del liceo, che lo hanno ricordato con una foto scattata qualche mese fa, prima che la malattia lo vincesse, gli amici del seminario, dei tanti campi scuola con l’Azione Cattolica dei ragazzi, in montagna, tra quei monti che don Pierangelo amava tantissimo, tanto da organizzare ogni anno cinque giorni di vacanza con gli amici più vicini, don Fabrizio, don Roberto, Tiziano Marchesan e tanti altri.

«Una persona di una bontà infinita, meravigliosa, umile, semplice, un sorriso dolce». E ancora, sempre dai social: «La profonda tristezza diventa gioia pensando che ora sei tra le braccia del Padre». Su Facebook i commenti si sprecano a dimostrazione che, pur spegnendosi a soli 51 anni, don Pierangelo aveva lasciato il segno. Non era difficile incontrarlo per strada e, conoscendo la sua passione per il Milan, unica concessione fatta al... diavolo, parlare anche di calcio. Parole di cordoglio anche da Pellestrina, dove per diversi anni, prima di approdare a San Martino, aveva svolto il servizio pastorale. Oggi alle 10 il rito funebre verrà officiato dal Vescovo, poi la tumulazione nel cimitero di Sottomarina. —

Daniele Zennaro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia