• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio Alessio, sconfitto a 14 anni dalla leucemia

Addio Alessio, sconfitto a 14 anni dalla leucemia

Noale. Un anno fa il ragazzino aveva scoperto la malattia. Era un ciclista del Gc Maerne Olmo. Mercoledì l'ultimo abbraccio

NOALE. Avrebbe compiuto quindici anni tra poco più di un mese. Una vita di sogni, speranze, aspirazioni interrotta da una malattia, una terribile malattia. Un destino tremendo ha accompagnato la vita negli ultimi dodici mesi di Alessio Bertoldo, 14 anni di Noale, morto sabato scorso all’ospedale di Padova dopo aver lottato per sconfiggere la leucemia, lui che era riuscito a vincere tante gare ciclistiche.


Un ragazzo modello, pieno d’interessi, che ha avuto la sfortuna d’imbattersi in questo calvario affrontato con dignità, forza, determinazione, senza mai mancare il suo impegno neppure negli studi. E poi la sua passione per il ciclismo, essendo un tesserato per la Gc Maerne-Olmo: eccelleva pure qui.

Alessio abitava in via San Giovanni Bosco con i genitori Andrea e Manola e la sorella Sofia. Una vita normale fino all’inizio del 2017, quando degli esami clinici hanno confermato la presenza del terribile male. Ed è partita la lunga strada per arrivare alla guarigione, percorsa con forza e volontà per giungere al traguardo. Nonostante cure e i giri tra ospedale e medici, Alessio era riuscito non solo a fare l’esame di terza media a giugno (classe 3 C) ma anche a superarlo in modo brillante, con il massimo dei voti: aveva affrontato le prove a distanza, grazie ai sistemi multimediali. Questo risultato, lo aveva fatto entrare di diritto tra i partecipanti della ventottesima edizione del premio culturale di Noale “Tonino Nassuato”, riservato a chi è uscito dalle scuole medie con un giudizio alto. Invece non l’ha potuto sostenere, perché in quel momento doveva sottoporsi alle terapie. Con la voglia di vivere e la convinzione di guardare al futuro con ottimismo, si era iscritto regolarmente alle scuole superiori.

Oltre all’impegno tra i banchi di scuola, aveva quello per lo sport, il ciclismo in particolare. Era uno degli atleti del Gc Maerne-Olmo, cominciando la sua trafila dal basso, dalla categoria Giovanissimi G2. Negli anni di permanenza con questa società, ha avuto modo di distinguersi per la serietà e la gentilezza nei confronti delle persone con cui veniva a contatto.

Serietà e gentilezza che lo avevano fatto ben volere da tutti, come testimoniano i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia in queste ore. A ciò aggiungiamo i risultati lusinghieri già ottenuti seppur fosse ancora adolescente. Il funerale del giovane si svolgerà domani alle 16 nella chiesa di Noale. Per volere dei Bertoldo, s’invita a non donare fiori ma a fare un’offerta per la Fondazione Città della speranza di Padova oppure alla stessa Ail (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma). Alle esequie si prevede una folta partecipazione; ci saranno gli ex compagni di classe e quelli attuali, i suoi insegnanti di ieri e di oggi, oltre ai rappresentanti della società Gc Maerne-Olmo, parenti e tanti amici. Alessio riposerà nel cimitero di Noale.

Pubblicato su La Nuova Venezia