• Home
  •  > Notizie
  •  > Benvenuti, resta il “giallo” del luogo del ritrovamento

Benvenuti, resta il “giallo” del luogo del ritrovamento

SAMBRUSON. Continuano a restare un giallo le cause della morte di Claudio Benvenuti l’uomo di 53 anni ritrovato in avanzato stato di decomposizione domenica scorsa, nelle campagne intorno a...

SAMBRUSON. Continuano a restare un giallo le cause della morte di Claudio Benvenuti l’uomo di 53 anni ritrovato in avanzato stato di decomposizione domenica scorsa, nelle campagne intorno a Sambruson di Dolo, nell’area cioè di via Brenta Secca, la strada che porta verso Lughetto di Campagna Lupia.

Il cadavere era dentro una siepe molto larga ed era lì da mesi. Benvenuti al momento della scomparsa aveva con sè anche delle dosi di metadone Neanche ieri è stata fatta l’autopsia sul corpo dell’uomo che si trova all’obitorio dell’ospedale di Dolo a disposizione dell’autorità giudiziaria. I carabinieri vogliono capire nel frattempo (se ci riusciranno) quali sono stati i percorsi dell’uomo prima del decesso anche se la causa più probabile della morte appare il freddo. Sembra infatti che il posto in cui Benvenuti è stato ritrovato fosse già stato controllato dagli stessi carabinieri e dai volontari della protezione civile. Gli inquirenti pensano che l’uomo possa aver girovagato per la zona per qualche tempo e poi aver trovato la morte per stenti, dormendo fuori di notte per non farsi rintracciare dai parenti L’uomo scomparso era stato proprio in ospedale a Dolo per forti mal di testa e per una chiara forma di depressione. Erano stati fatti appelli perché ritornasse a casa.

Qualcuno ha pensato che Claudio Benvenuti si potesse essere allontanato e aver raggiunto Mestre o altre zone limitrofe alla Riviera del Brenta. Le ricerche si erano concentrate nei primi giorni dalla scomparsa proprio nell’area di via Brentasecca verso Lughetto di Campagna Lupia. Indossava un maglione nero, dei pantaloni jeans scoloriti e degli anfibi neri. Stesso vestiario trovato ieri addosso al cadavere. Ma le domande restano. Qualcuno durante le settimane della sua scomparsa lo ha aiutato a “sparire”? Quanto tempo è passato da quando è stato controllato il luogo (con dei cani e tanti volontari) a quando Benvenuti è morto? (a.ab.)

Pubblicato su La Nuova Venezia