Scomparsa la soprano Berzaccola

La nota artista aveva 71 anni e si era esibita in molti teatri italiani

PORTOGRUARO. La sua voce ha incantato le platee di uno dei teatri più importanti del mondo, La Fenice di Venezia.

Il mondo della cultura portogruarese è in lutto. A un anno dal compagno di una vita, Ariego Rizzetto, si è spenta l’ultimo dell’anno Maria Teresa Berzaccola, 71 anni, definita dai critici cittadini come il più grande soprano della storia di Portogruaro. Lascia nel dolore due figli, Laura e Matteo e alcuni nipoti. Rispettando le sue ultime volontà la famiglia ha voluto far sapere della sua morte solo dopo la celebrazione di esequie in forma laica. Si è svolta una cerimonia molto privata e commovente, con un ristretto gruppo di persone, al cimitero di Portogruaro. Poi l’annuncio, la sera del 5, quando la gente era impegnata a partecipare e mangiare alle casere.

Maria Teresa Berzaccola è uscita di scena, dopo aver interpretato le parti nelle più importanti composizioni degli autori settecenteschi e dell’ottocento. Era nata per cantare. Dopo gli studi fatale per lei fu l’incontro della sua vita con il professor Ariego Rizzetto da Teglio Veneto, deceduto un anno fa.

Poi il viaggio nei teatri della zona, il sogno La Fenice, l’insegnamento di musica alle scuole medie di Summaga e soprattutto alla scuola di musica Santa Cecilia, che la ricorda con grande affetto essendone stata pure la presidente.

A inizio dicembre si era diffusa la voce della sua scomparsa. Maria Teresa Berzaccola ha combattuto fino alla fine contro una male che non le ha dato putroppo scampo. (r.p.)

Pubblicato su La Nuova Venezia