• Home
  •  > Notizie
  •  > Suicida a 19 anni a Santa Maria Maggiore

Suicida a 19 anni a Santa Maria Maggiore

Il giovane si è impiccato nelle docce con un lenzuolo. La Procura apre un’indagine. il padre: «Voleva disintossicarsi»

Si è impiccato a 19 anni, nella doccia di una cella del carcere di Santa Maria Maggiore, domenica. E' morto così un ragazzo di nazionalità rumena, ma residente sin da piccolo in provincia di Como - ad Appiano Gentile - arrestato il 31 dicembre a Venezia dai carabinieri, su ordine di custodia cautelare emesso dalla Procura di Como, per un reato contro il patrimonio: nulla di così drammaticamente grave, tanto che il giudice per le indagini preliminari Andrea Comez - che lo ha sentito in sede di interrogatorio di garanzia - avrebbe voluto disporre per lui gli arresti domiciliari, ma la madre ha negato l'autorizzazione ad accoglierlo in casa, dopo una vita di tribolazioni, tra i continui arresti, furti e “bravate” del figlio, con problemi di tossicodipendenza. La donna sperava che tenendolo lontano dal Comasco, il ragazzo riuscisse a stare fuori dai guai e disintossicarsi. Invece il giovane Adrian è tornato in cella, ha portato con sé in doccia un lenzuolo e si è impiccato nel piccolo bagno: uno spazio non visibile, per questioni di privacy.

Nel tardo pomeriggio di domenica l'allarme, dato dai due compagni di cella che hanno tentato inutilmente di aiutarlo, come vano è stato l'intervento del personale del carcere (prima) e dei medici del Suem 118 (dopo). Fino a tarda ora sono proseguiti gli accertamenti da parte dei carabinieri del Nucleo investigativo e dei Ris, alla presenza del pubblico ministero di turno, Lucia d'Alessandro, rimasta in carcere con gli investigatori fino alle 3 di notte, per sentire gli agenti di Polizia penitenziaria e i due compagni di cella del ragazzo. Non è emersa alcuna responsabilità nella morte di Adrian da parte del personale del carcere o di altri detenuti, ma gli accertamenti proseguiranno con l'autopsia, affidata al medico legale Antonello Cirnelli: il suicidio di un ragazzo affidato allo Stato in un carcere è un dramma da chiarire in ogni aspetto.

Una vita così breve, eppure segnata più volte da piccoli furti, segnalazioni alle forze dell’ordine di Appiano Gentile, che ben conoscevano il ragazzo e i suoi problemi con la droga: Adrian a 14 anni era scappato di casa e da solo, alla guida di un’auto, aveva raggiunto il padre, che da anni abita in un furgone a Marghera. Poi i carabinieri lo avevano riportato indietro. Agli investigatori ieri il padre, distrutto, ha raccontato che avrenìbbe dovuto incontrare il figlio a Venezia, per andare a visitare insieme una comunità. Invece erano scattate le manette - nella serata di san Silvestro - per quell’ordine di custodia in arrivo da Como: sabato 3 gennaio l’interrogatorio di garanzia e il ritorno a Santa Maria Maggiore in attesa del processo, non essendo stato possibile individuare un’abitazione per gli arresti domiciliari. Poche ore dopo, la tragedia di una famiglia.

Roberta De Rossi

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia