• Home
  •  > Notizie
  •  > Schianto contro il parabrezza di un’auto: ecco chi era il cicloamatore morto a Cavarzere

Schianto contro il parabrezza di un’auto: ecco chi era il cicloamatore morto a Cavarzere

Angelo Tiozzo Fasiolo, 69 anni, di Sottomarina, ha perso la vita a Dolfina: lascia moglie e due figli. Agricoltore in pensione, era appassionato di bici

CAVARZERE. Un ciclista di 69 anni di Chioggia la mattina  del 23 aprile ha perso la vita a Dolfina, località di Cavarzere, dopo essere stato travolto da una Citroen Picasso guidata da un 40enne.

Lo schianto mortale si è verificato attorno alle 10.30 sulla strada provinciale 45 che collega le due frazioni del territorio di Cavarzere, Dolfina e San Pietro, in località Valcerere.

Angelo Tiozzo Fasiolo, agricoltore in pensione, abitava vicino alle Poste a Sottomarina. Ieri mattina stava percorrendo la provinciale, che a quell’ora, di sabato, solitamente è poco trafficata. Una condizione che la fa diventare il luogo ideale per gli amanti di un giro in bicicletta.

Il 69enne era in sella alla sua bici, una Bottecchia, quando, per ragioni che sono al vaglio dei carabinieri della compagnia di Chioggia, è stato travolto dalla Citroen Picasso mentre si stava immettendo sulla carreggiata.

Il ciclista, stando alla prima ricostruzione dei fatti, si era immesso da una laterale, via del Delta. Non si sa di chi sia la responsabilità: se il ciclista non abbia visto l’auto sopraggiungere o non abbia rispettato qualche segnale o se invece l’automobilista non si sia accorto del 69enne in bici. L’impatto contro l’auto è stato violentissimo: il parabrezza della Picasso è stato distrutto e la bicicletta si è spezzata in due parti. Nulla da fare per il malcapitato ciclista: l’uomo è morto sul colpo.

Immediatamente sono scattati i soccorsi, allertati dagli automobilisti in transito. Sul posto, in pochi minuti, sono arrivati i vigili del fuoco, i carabinieri di Chioggia, che si sono occupati dei rilievi, e un’ambulanza con i sanitari del 118 dall’ospedale clodiense.

I sanitari però non hanno potuto far altro che constatare il decesso del 69 enne. In conseguenza del tremendo impatto è rimasto ferito anche il conducente dell’auto, trasportato all’ospedale di Chioggia per essere sottoposto a controlli, anche se non è in gravi condizioni.

I pompieri accorsi dal locale distaccamento hanno messo in sicurezza il luogo dell’incidente sopo aver rimosso l’auto che era finita nel fossato. I carabinieri di Chioggia hanno deviato il traffico ed eseguito i rilievi. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono terminate dopo circa due ore. Verso le 13 la situazione era tornata alla normalità.

Angelo Tiozzo Fasiolo lascia la moglie Daniela e due figli: Marco, che abita in Messico, e Melita, che svolge l’attività di parrucchiera a Chioggia.

Pubblicato su La Nuova Venezia