• Home
  •  > Notizie
  •  > Annega in mare a 28 anni di fronte ai genitori

Annega in mare a 28 anni di fronte ai genitori

Antonio Menna, affetto da autismo, si trovava in vacanza a Porto Santa Margherita. Giovedì sera è scivolato in acqua

CAORLE

Tragedia alle 22 di giovedì non lontano dal litorale del piazzale Portesin, al centro di Porto Santa Margherita.

Antonio Menna, 28 anni, vicentino, è annegato di fronte al padre e alla madre. Il ragazzo, autistico, era in vacanza a Porto Santa Margherita. Giovedì si era calato in acqua assieme al papà per un bagno serale, non lontano dal litorale del piazzale Portesin. La madre era comoda poco distante, vicino alla battigia. Mentre Antonio era assistito, la madre ha richiamato l'attenzione del padre per un malessere. La donna, infatti, soffre di una patologia invalidante. È stata questione di secondi. Roberto Menna, il padre, si è precipitato dalla moglie e il figlio Antonio è rimasto per qualche momento da solo in acqua, sparendo poi alla vista di entrambi i genitori. Il padre, medico, si è precipitato a quel punto in mare e ha recuperato il figlio ormai privo di conoscenza, avviando le manovre rianimatorie.

Sulla spiaggia si è creato un concitato trambusto e sono accorsi anche dei conoscenti: tra questi c'era un'infermiera fuori servizio che ha provato a fare il possibile. Qualcuno ha composto il 118. Sul posto si è precipitata un'ambulanza. L'èquipe medica del Pronto soccorso per oltre mezz'ora ha tentato inutilmente di rianimare il ragazzo. I carabinieri hanno proceduto ai rilievi di legge, ascoltando numerosi testimoni, tra cui i primi soccorritori. La salma è stata recuperata dalla ditta Caprulae che ha trasferito il corpo privo di vita del bagnante alla cella mortuaria di Caorle.

La Procura di Pordenone ha concesso il nulla osta alla sepoltura. I funerali saranno celebrati martedì 17 agosto, con inizio alle ore 14.45, alla chiesa di Santa Maria di Araceli, non lontano dal centro della località berica. —

Rosario Padovano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia