• Home
  •  > Notizie
  •  > Il cadavere di una donna trovato nel Tagliamento Disposta l’autopsia

Il cadavere di una donna trovato nel Tagliamento Disposta l’autopsia

SAN MICHELE

Il cadavere di una donna in avanzato stato di decomposizione è stato scoperto ieri attorno alle 9 da un pescatore sportivo sulla parte destra del fiume Tagliamento, all’altezza del centro abitato di San Filippo. Tutto lascia pensare che possa trattarsi del corpo di Maura Turolla, la 55enne di Castions di Strada, in provincia di Udine, uscita a fine maggio dalla sede del Centro di salute mentale di Latisana, in cui era ospitata. I vestiti e le scarpe recuperati sulla salma sarebbero gli stessi che la donna indossava al momento della scomparsa.

Si attende però l’esito dell’autopsia, che verrà fissata nei prossimi giorni, per dichiarare concluso il caso e solo allora avverrà il riconoscimento, anche per capire se sul corpo ci sono segni di violenza: i familiari non sono stati avvertiti.

Turolla nelle ore immediatamente successive alla sparizione era stata cercata in lungo e in largo a Latisana, anche con l’ausilio di droni ma senza esito. Le ricerche erano state estese anche a Fossalta di Portogruaro, con l’aiuto dell’elicottero dei vigili del fuoco di Venezia, perlustrando corsi d’acqua minori. Quello che sembra, dunque, il tragico epilogo di una drammatica e brutta storia, si è consumato di prima mattina. A seguito della segnalazione d’allarme sono intervenuti sull’argine i carabinieri delle stazioni di San Michele e di Bibione, e il comandante della compagnia di Portogruaro, Raffaele Di Lauro. I vigili del fuoco del Nucleo sommozzatori di Venezia hanno recuperato la salma, affidandola al medico legale Antonello Cirnelli, chiamato dal pm che indaga sui fatti, Lucia Terzariol della Procura di Udine. La ditta Duomo ha poi trasportato il corpo alla cella mortuaria nel cimitero di Bibione. —

Rosario Padovano

Pubblicato su La Nuova Venezia