• Home
  •  > Notizie
  •  > Doppio schianto in A4, un morto e due feriti

Doppio schianto in A4, un morto e due feriti

L’incidente tra due mezzi pesanti e un furgone ieri alle 6.15. La vittima è un autista slovacco. Difficile la ricostruzione 

MEOLO

Doppio schianto all’alba in A4 tra due mezzi pesanti e un furgone. Drammatico il bilancio: una vittima, un 38 enne di nazionalità slovacca, e due feriti. La tragedia è avvenuta intorno alle 6.15 di ieri mattina, nel tratto compreso tra i caselli di San Donà e Meolo – Roncade, in direzione Venezia.

L’impatto all’altezza del chilometro 420, in località Pralongo di Monastier, al confine tra le province di Venezia e Treviso. Tre i veicoli coinvolti: un autoarticolato, un piccolo camion e un furgone telonato. La dinamica del sinistro è apparsa subito complessa ed è tuttora in fase di accertamento. I rilievi sono affidati alla polizia stradale di San Donà. Secondo una possibile ricostruzione, si sarebbe verificato un primo tamponamento tra due mezzi. In seguito, mentre i conducenti stavano per accingersi alla constatazione del sinistro, sarebbe sopraggiunto il terzo veicolo e si è verificato dunque il secondo schianto. Ma si tratta solo di un’ipotesi, che andrà verificata nel corso delle indagini. La Procura di Treviso, competente territorialmente sul luogo dell’incidente, intende far chiarezza fino in fondo sull’accaduto.

Con ogni probabilità, non appena avrà ricevuto tutti gli incartamenti, il pubblico ministero Massimo Zampicini aprirà un fascicolo d’inchiesta con l’ipotesi di reato di omicidio stradale. La Procura intende acquisire eventuali foto e filmati, che potrebbero aiutare gli inquirenti a ricostruire la dinamica del sinistro. Di certo c’è la scena di devastazione che si è presentata agli occhi dei soccorritori. Subito dopo l’allarme, sul posto si sono precipitati i vigili del fuoco, arrivati in forze dai distaccamenti di San Donà e Mestre, con tre automezzi tra cui l’autogrù. I pompieri hanno messo in sicurezza i veicoli.

Da uno dei mezzi hanno estratto un uomo che era rimasto incastrato al posto di guida, per affidarlo alle cure dei sanitari del Suem 118. Un altro ferito, che si trovava già fuori dal proprio veicolo, è stato soccorso dai sanitari e caricato in ambulanza. Per una terza persona, purtroppo, non c’è stato nulla da fare. Si tratta di un 38 enne di nazionalità slovacca. Al medico non è rimasto che dichiararne la morte. Lunghe le operazioni burocratiche per avvisarne i familiari. I due feriti sono invece di nazionalità ungherese e rumena.

Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono durate circa un’ora e mezza. Sul posto anche gli agenti della polstrada per i rilievi, il soccorso stradale e gli ausiliari del traffico di Autovie Venete. Il doppio schianto si è verificato sul tratto già a tre corsie dell’autostrada. Circostanza che ha permesso di limitare i disagi, nonostante il traffico si vada sempre a intensificare intorno alle 7 del mattino. Durante le operazioni di soccorso e i rilievi del sinistro, il traffico è stato fatto scorrere su una sola corsia di marcia. Inevitabili comunque i rallentamenti. Sono stati segnalati fino a tre chilometri di coda e Autovie ha invitato gli automobilisti a uscire al casello di San Donà – Noventa. In ogni caso non si è reso necessario chiudere l’autostrada. —

Pubblicato su La Nuova Venezia