• Home
  •  > Notizie
  •  > Infarto alla guida dell’auto, muore a 64 anni

Infarto alla guida dell’auto, muore a 64 anni

Gianpaolo Modolo ieri alle 6.30 è finito in un fossato e si è schiantato contro un muretto: è morto poco dopo all’ospedale

SAN DONà

Malore alla guida, esce di strada e perde la vita in via Grassaga a San Donà Gianpaolo Modolo, 64 anni di Chiarano in provincia di Treviso, contitolare della “Idrotecnica” di via Giobatta dall’Armi nella frazione di Mussetta.

Un tragico incidente stradale, ieri mattina intorno alle 6.30 lungo via Grassaga, la strada che percorreva tutti i giorni per recarsi in azienda al lavoro nella frazione di San Donà. Modolo era al volante della sua Alfa Romeo Giulietta quando si è sentito male, probabilmente colto da infarto. L’auto in direzione San Donà lungo il canale Grassaga ha invaso la corsia opposta scendendo poi lungo il pendio di un fossato con qualche centimetro d’acqua e fango. Si è schiantata violentemente contro il terrapieno, concludendo la sua corsa contro il ponticello di ingresso a un’abitazione al civico 41. Il 64enne era ancora vivo quando sono giunti i soccorsi. I vigili del fuoco di San Donà lo hanno estratto dalle lamiere dell’auto che si è schiacciata nella parte anteriore. Sul posto anche carabinieri e 118. Trasferito d’urgenza all’ospedale, è spirato poco più tardi.

La causa del decesso è arresto cardiocircolatorio e la salma è stata subito liberata e a disposizione dei familiari per le esequie. I carabinieri hanno effettuati i primi rilievi, mentre i mezzi della carrozzeria Piave hanno rimosso il veicolo distrutto che è rimasto incastrato tra le due sponde del fossato dopo la fuoriuscita stradale.

Nella frazione di Grassaga la notizia del tragico incidente stradale è subito giunta nella comunità alle prime luci dell’alba. Lungo via Grassaga, in passato, si sono stati altri incidenti, anche con esito mortale. È una direttrice piuttosto trafficata che collega Noventa a San Donà. Originario di Chiarano, come tutta la sua famiglia, Gianpaolo Modolo era contitolare con il fratello Walter, che vive a San Donà, della ditta “Idrotecnica” di Mussetta, azienda che opera nel settore della termoidraulica. Viveva a Chiarano con la compagna e non aveva avuto figli. Un imprenditore molto professionale ed esperto nel suo settore, che aveva lavorato una vita per costruire l’azienda assieme al fratello a lui molto legato. La morte ha destato un profondo cordoglio a Chiarano e Fossalta Maggiore, dove la famiglia è molto conosciuta.

A Chiarano, ieri mattina la notizia della tragica scomparsa di Giampaolo Modolo si è sparsa in paese. Il 64enne viveva nella frazione di Fossalta Maggiore dove era cresciuto. Aveva un negozio a San Donà di Piave per la vendita di mobili da bagno, dopo la chiusura dell’attività si era dedicato alla carriera in proprio di idraulico, con una rete di clienti nel sandonatese, paese in cui vive il fratello Walter. Carattere schivo, ma ben voluto in paese, Modolo lascia un vuoto nella comunità. Si attende ora la data delle esequie. –

Giovanni Cagnassi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia