• Home
  •  > Notizie
  •  > Imprenditore stroncato da un tumore a 56 anni

Imprenditore stroncato da un tumore a 56 anni

Mauro Formentin era noto per la sua azienda di scavi e demolizioni a Noale: amava il calcio e la bicicletta. Martedì il funerale 

NOALE

Ottimo e stimato imprenditore, con una grande passione per lo sport. Un tumore si è portato via Mauro Formentin, titolare della Formentin Scavi Snc di via Spagnolo a Moniego, azienda nota nel Miranese ma non solo. Aveva 56 anni e da un po’ di tempo era malato. Si è spento venerdì, dopo aver lottato contro un tumore.

La sua figura è molto nota a Noale e nel circondario proprio per via della sua attività e le sue conoscenze nel campo dell’edilizia. La sua impresa effettua scavi e demolizioni: seguiva passo dopo passo la sua ditta, anche se negli ultimi tempi la malattia lo aveva debilitato. Persona affabile, perbene, precisa nel lavoro e sempre pronta ad aiutare gli altri, la notizia della sua scomparsa è arrivata in fretta a Moniego, paese dove abitava da una vita, ma pure nel capoluogo.

Appassionato di sport, in gioventù Formentin aveva giocato a calcio con la locale società, a cui sommava l’amore per la bicicletta. Non era raro vedere lo striscione con il nome della sua azienda nei palazzetti e nelle strutture sportive della zona, a testimonianza del sostegno che voleva dare alle realtà più piccole. Di recente aveva scoperto di essere colpito da un tumore, ma non si era arreso, aveva lottato con le sue forze. Nonostante le cure e tutti i tentativi per sconfiggerlo da parte dei medici, non è riuscito a riprendersi e l’altro ieri è spirato.

L’uomo lascia la moglie Emanuela, la figlia Elena, i genitori, le sorelle, i parenti. Il funerale si terrà martedì alle 10 nella chiesa di Moniego e il feretro partirà dall’ospedale di Noale.

E per l’ultimo saluto è prevista una folta partecipazione di fedeli, anche per via della sua professione. Al termine del rito, la salma sarà trasferita al cimitero di Mirano. Lunedì alle 19.30, il rosario nella chiesa di Moniego. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Pubblicato su La Nuova Venezia