• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a Paolo Cacco anche Manuela presente ai funerali

Addio a Paolo Cacco anche Manuela presente ai funerali

Alcuni familiari non hanno gradito la presenza  dell’ex tabaccaia, poi riportata in carcere alla Giudecca Il parroco: vicini alla famiglia 

CAMPONOGARA

Manuela Cacco ha partecipato ieri mattina nella chiesa di Camponogara ai funerali del padre Paolo Cacco morto qualche giorno fa. La sua presenza alla cerimonia ha diviso la famiglia. Un messaggio infatti era stato fatto pervenire al carcere in cui si trova detenuta la ex tabaccaia condannata in secondo grado a 16 anni per complicità nell’omicidio con i fratelli Debora e Freddy Sorgato (condannati a 30 anni di carcere ciascuno), della segretaria padovana Isabella Noventa. Alcuni componenti della famiglia Cacco in questi giorni hanno fatto sapere che per evitare il clamore mediatico. Manuela avrebbe fatto meglio a non partecipare alla cerimonia. Ma se da una parte è arrivata questa richiesta, i figli di Manuela e la stessa mamma dell’ex tabaccaia invece hanno fatto sapere di essere stati molto contenti della sua presenza in chiesa. Alla cerimonia hanno partecipato quasi 150 persone e il parroco don Piero ha ricordato la figura di Paolo Cacco, commerciante all’ingrosso di calzature che ha gestito per anni due grossi magazzini a Villorba e Spinea.

In chiesa c’era anche il sindaco del paese Antonio Fusato e l’assessore Monica De Stefani. «Ho partecipato», spiega il sindaco, «perché il figlio di Paolo Cacco, Stefano, siede in consiglio comunale come consigliere di opposizione e anche per vicinanza alla famiglia in questo momento di dolore». Stefano è stato anche candidato sindaco del centrodestra alle ultime comunali. «La comunità cristiana di Camponogara», ha spiegato il parroco don Piero, «è vicina alla famiglia Cacco. Una famiglia che per il paese di Camponogara si è sempre impegnata». Dopo il funerale Manuela Cacco è stata riportata in carcere alla Giudecca a Venezia dagli agenti della polizia penitenziaria. —

Pubblicato su La Nuova Venezia