• Home
  •  > Notizie
  •  > Oggi l’addio a Marcella la donna di 59 anni uccisa dal vicino di casa

Oggi l’addio a Marcella la donna di 59 anni uccisa dal vicino di casa

PORTOGRUARO

La comunità di Portogruaro darà oggi pomeriggio l’ultimo saluto a Marcella Boraso, la donna di 59 anni uccisa con estrema violenza la scorsa settimana nel suo appartamento di via Croce Rossa.

La cerimonia funebre si terrà alle 16.30 nella chiesa della Beata Maria Vergine. La data è stata ufficializzata ieri mattina, dopo la definizione degli ultimi dettagli. Per espressa volontà dei familiari di Marcella, la cerimonia sarà molto semplice. Verrà celebrata una messa, aperta a tutti i fedeli, e poi il feretro sarà tumulato in cimitero. Dell’organizzazione si stanno occupando le onoranze funebri Duomo. Sarà un modo privato e intimo di vivere il dolore per il dramma accaduto. Per questo non sono state affisse neppure le tradizionali epigrafi. I funerali sono stati fissati dopo che, nella giornata di lunedì, la Procura di Pordenone aveva concesso il nulla osta allo svolgimento delle esequie.

L’autorità giudiziaria, però, ha espressamente negato la possibilità di cremazione del corpo, che potrà così rimanere a disposizione per ulteriori accertamenti necroscopici che dovessero rendersi necessari nel proseguo delle indagini. Che sono ancora in pieno svolgimento, visto che si attendono gli esiti di alcuni importanti accertamenti disposti dalla Procura e su cui stanno indagando anche i Ris. Per l’omicidio di Marcella Boraso si trova in carcere il 23 enne marocchino Wail Boulaied. Per la Procura l’uomo, vicino di casa della Boraso, sarebbe l’autore del violento assassinio. Il corpo di Marcella Boraso è stato trovato privo di vita riverso a terra nel bagno di casa. A scoprire la tragedia sono stati i vigili del fuoco, intervenuti nell’appartamento Ater di via Croce Rossa dopo la segnalazione dei vicini, che avevano notato del fumo. I pompieri hanno spento il piccolo incendio e poi trovato il corpo. Per gli inquirenti l’incendio sarebbe stato appiccato dallo stesso Wail Boulaied per occultare le prove. —

GIOVANNI MONFORTE

Pubblicato su La Nuova Venezia