• Home
  •  > Notizie
  •  > «Schizzi di sangue e ferite sulla testa»

«Schizzi di sangue e ferite sulla testa»

La scena del delitto scoperta dai pompieri entrati per prima nella casa invasa dal fumo 

la ricostruzione

I vigili del fuoco sono stati i primi a dare l’allarme e a scoprire l’omicidio di Marcella Boraso. Il loro intervento risale a poco dopo mezzogiorno di mercoledì. La segnalazione per un incendio era stata fatta dall’inquilina del primo piano dello stabile di via Croce Rossa 98, Anna Lindaver. Le fiamme erano state appiccate da tempo e l’aria dalla metà della mattina era diventata irrespirabile. All’inizio sono intervenuti i vigili del fuoco di Portogruaro, poi quelli di San Donà. La porta dell’abitazione di Marcella era chiusa con doppia mandata. Una sarebbe stata portata via, un’altra invece si trovava nell’appartamento in uso dalla sorella a Firenze. A quel punto rimaneva una sola azione da fare: entrare dalla finestra. La squadra dei pompieri di San Donà, guidata dal caporeparto Loris Turchetto, ha sistemato le scale a pioli e poi è salita fino al secondo piano, rompendo gli infissi. Cercando l’inquilina, Turchetto e i suoi uomini hanno fatto la raccapricciante scoperta. La donna era riversa sul water con il volto deturpato, piegata verso terra con le braccia a penzoloni. Non poteva essere morta per una caduta accidentale. Attorno un lago di sangue, con schizzi dappertutto, fino al soffitto. Secondo i pompieri la donna è stata colpita ripetutamente, con violenza inaudita. Subito hanno intuito fosse un omicidio, per cui da subito anche i carabinieri hanno lavorato su questo possibile scenario. Tra le 14.30 e le 15 circa Wail Boulaied è stato visto andare via, scortato dai carabinieri, che lo portavano in caserma per chiarire la sua posizione. Anche i pompieri hanno eseguito il sopralluogo, accompagnando i militari dell’Arma, nell’appartamento di Wail. Qui sono state trovate tracce di cenere, sulle suole delle scarpe, subito sequestrate, compatibili con quelle rinvenute nella casa di Marcella data alle fiamme per simulare un incidente. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia