• Home
  •  > Notizie
  •  > Funerale al campo sportivo c’è il via libera del vescovo

Funerale al campo sportivo c’è il via libera del vescovo

Tessarollo e il sindaco Tommasi hanno accolto la proposta del parroco Stefano Trovò, 20 anni, è morto venerdì dopo essere caduto in moto ad Adria

CAVARZERE

Domani alle 15.30 Cavarzere darà l’ultimo saluto a Stefano Trovò, il ragazzo di appena 20 anni che venerdì scorso ha perso la vita dopo essere caduto con la sua moto ad Adria, sulla strada arginale del Canal Bianco, a due passi dai cantieri Vittoria. I funerali si svolgeranno, come annunciato dal parroco di San Mauro, don Andrea Rosada, sul campo sportivo dei padri Canossiani. Il sacerdote ha trovato il riscontro positivo alla sua proposta da parte del vescovo della Diocesi di Chioggia, monsignor Adriano Tessarollo, e del sindaco di Cavarzere Henri Tommasi. La scelta di officiare le esequie all’aperto è dovuta al fatto che, nonostante la capienza del duomo di San Mauro sia notevole, viste le restrizioni, dovute all’emergenza Covid, e il necessario distanziamento tra i fedeli come prevede il decredto del governo, difficilmente avrebbero potuto prendere posto le tante persone che sicuramente saranno presenti al rito funebre e che quindi non avrebbero potuto evitare gli assembramenti, cosa che invece al campo sportivo dei Canossiani, dove tra l’altro presta servizio come catechista la mamma di Stefano, è possibile. «Stefano lo conoscevo fin da bambino», racconta commosso il parroco don Andrea, «quando faceva il chierichetto in parrocchia». La magistratura ha deciso che non è necessaria l’autopsia. —

daniele zennaro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Venezia